Si concretizza  la neonata intesa tra Sanità e Panificatori per la riduzione del contenuto di sale nel pane di fattura artigianale, allo scopo di migliorare le abitudini alimentari dei cittadini e proteggere la salute negli anni. L'accordo definisce la riduzione del sale di almeno il 5% tutti i giorni e una linea di pane completamente senza sale o mezzo-sale, almeno un giorno a settimana. E' dimostrato infatti che piccole riduzioni di sale producono effetti importanti sulle singole persone e grandi benefici in termini di salute per la collettività con notevoli risparmi dei costi di cura. In Italia il consumo medio di sale giornaliero nella popolazione si attesta intorno agli 11 grammi negli uomini e 8 nelle donne, valori superiori quindi ai 5 grammi raccomandati dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Perché ridurre il sale? Risponde Sebastiano Blancato, direttore del Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione della Cuneo 1: "Il consumo abituale di sale è associato all'ipertensione arteriosa, alla quale, secondo l'OMS, sono attribuibili il 62% dei casi di ictus cerebrale e il 49% dei casi di cardiopatia ischemica. Le malattie cardiovascolari, di cui l'ipertensione è fra i principali fattori di rischio, rappresentano la prima causa di morte per le persone sopra i 60 anni e la seconda per quelle tra i 15 e i 59 anni. Il consumo di sale è inoltre associato ad altre patologie cronico-degenerative. E' stato scelto il pane per la campagna di riduzione del sale perché esso è un alimento simbolo nell'alimentazione degli italiani, è presente quasi in ogni pasto della giornata, sia nella forma tradizionale che grissini o come base per altre specialità da forno; può fungere da catalizzatore per favorire altre scelte positive da parte dei consumatori". L'Asl CN1 e CN2, capofila in Piemonte per la realizzazione di questo progetto, sono state anche la prime Aziende sanitarie a partire con il progetto, con corsi di informazione/formazione per i panificatori aderenti, a promuovere azioni educative rivolte alla scuola e alla popolazione e a soggetti a rischio e veicolare informazioni corrette anche mediante i medici di famiglia. I Panificatori si impegnano a rispettare un disciplinare di produzione e a divulgare corrette informazioni di salute rendendo visibili nei loro esercizi poster e opuscoli sull'iniziativa.

Visualizza il protocollo d'intesa

Scarica il modello di adesione

E' possibile consegnare il modello direttamente presso i nostri ufficio o via mail/fax.

Elenco dei panificatori aderenti

aggiornato al 31/05/16

Associazione Autonoma Panificatori della Provincia di Cuneo

 

LungoStura XXIV Maggio,3

12100 CUNEO

info@panificatoricuneo.it

Tel. 0171693004 Fax 0171631377

Follow Us

  • Facebook Clean Grey
  • Twitter Clean Grey

Copyright © 2017 Associazione Autonoma Panificatori della Provincia di Cuneo C.F. 80016750046 All right reserved Webdesign by staff dell'Associazione